IL DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: Giancarlo Ceccaglia

Nato a Roma nel 1943, si diploma all’Istituto Tecnico professionale per la Cinematografia con la qualifica di Direttore della Fotografia (Foto-Cineoperatore di ripresa, n° prot. 300/v). Nel 1966 esce dal Centro Cinematografico con un ottimo punteggio ed il documentario da lui realizzato, per conseguire il diploma, è mandato in onda dalla RAI.TV con il titolo “La scaletta dei poeti”.

Comincia a lavorare, con la qualifica di Assistente Operatore, sia con la RAI che con il Cinema, collaborando con alcuni tra i più famosi registi come Monicelli, Rossi, Maselli, Tessari, Rosi e Colizzi, affiancato da Direttori della Fotografia quali Contini, Delli Colli, Di Palma ed altri.

Si specializza in Tecniche di Laboratorio presso la Tecnicolor di Roma, con i Direttori Lolli e Novelli. Nel 1968, in qualità di Responsabile del Reparto Operatori, per la Produzione di Franco Cristaldi, la Vides Cinematografica, Giancarlo Ceccaglia comincia le riprese, in Russia, del film colossal “La Tenda Rossa”, diretto da M. Kalatozof e interpretato da Claudia Cardinale, Sean Connery, Peter Finch ed altri.

Durante le riprese, durate circa due anni, il Direttore della Fotografia, L. Kalascinicof gli affida l’incarico di Operatore di Macchina e Consulente della Fotografia. Con questa qualifica ha lavorato nei film: “La Califfa” di Alberto Bevilacqua, “Il Leone a sette teste” di Glaubel Rocha, premiato a Parigi per le riprese, “Nel nome del padre” di Marco Bellocchio, “Toh, è morta la nonna” di Mario Monicelli, “Colpo di stato” di Luciano Salce, “Enrico Mattei” di F: Rosi. Ha inoltre realizzato alcune serie di telefilm per la RAI.TV per la regia di M. Pippa ed è stato 2° Unità di Ripresa nel film “Amarcord” di Fellini.

È iscritto alla Presidenza del consiglio dei Ministri come Foto-Cineoperatore. Inizia poi la carriera di Direttore della Fotografia in film diretti da Monicelli, Tessari, Maselli, Brazzi, ma anche in numerosi documentari come: “Il Circolo Polare Artico”, “Uomini Sottozero”, Zanna Bianca”, “Il Rompighiaccio”, “La caduta dei Giganti”, “Latitudine 90”, per la Vides Cinematografica, Premiati dal Ministero del Turismo e Spettacolo. Per la produzione Stefi Film, realizza il film industriale a soggetto sulle acciaierie Spezzafria e per la Marina Militare, il documentario “Aliscafo Atomico” e molti servizi pubblicitari. Per la A.E.P. realizza nove ore di filmati su tutti gli stati della ex Unione Sovietica, trasmessi in prima serata dalla RAI.TV per la regia di Giordani e Folco Quilici e per la Produzione Moana, sempre di Folco Quilici, il documentario “La Storia dell’uomo”.

La collaborazione con la RAI.TV continua con documentari sulla Storia egiziana contemporanea di Enzo Biagi e proprio in Egitto, Giancarlo Ceccaglia diventa inviato speciale nella Guerra dei Sei Giorni e per la riapertura del canale di Suez. La produzione di film-documentari è vasta e ricca e riguarda spesso cultura e costumi di Spagna, Africa, paesi Latino-americani, Stati Uniti come, ad esempio, “On the road” di Beniamino Placido, sempre per la RAI.TV. Si è inoltre occupato di programmi di attualità, intrattenimento e sportivi, sempre trasmessi dalla RAI.TV.
Iscritto alla Tecnicolor di New York in qualità di Direttore della Fotografia, nell’albo dei più quotati Direttori della Fotografia, esegue le riprese di film di successo, tra i quali “Tragedia a New York” di G. Manera, “Perciò è bello” di J. Perrotta, Gabbia di Gesso” di G. Ferlito, “Anche i ladri hanno un santo” di G. Tartagni. Esperto anche di Scenotecnica teatrale, Giancarlo Ceccaglia collabora alla realizzazione di spettacoli teatrali come “La Sensale di matrimoni” di B. Ghiglioni, “Hello Dolly” di J. Perrotta, “Aida” e “Rigoletto” di D. Micheli.

Ha collaborato per diversi mesi alla stesura della sceneggiatura del film “Exemplum”, sulla vita di Dante Alighieri, realizzando sopralluoghi filmati con la regista Jolanda Perrotta e con il premio Oscar russo Sergei Bondarciuk; tale film però non è arrivato a conclusione per la scomparsa dello stesso Bondarciuk.
Nel 1993 ha fondato e diretto per 14 anni, insieme alla regista Jolanda Perrotta, un’Accademia Sperimentale di Cinema, Teatro e Musica per Arti, Mestieri e Recitazione.

esteso

Annunci